Un giorno alla notte delle streghe e, dovendo restare a casa, si comincia a pensare al menu. Ovviamente a tema. E allora zucca, mummie e mostri non possono che essere i piatti forti della cena di Halloween.

Non c’è cena di Halloween che si rispetti che non abbia come protagonista la zucca, ma anche pietanze che ricordano mostri, mostrini e orrori vari. E visto che quest’anno giocoforza il 31 ottobre si resterà a casa, perché non creare un’atmosfera festosa con una bella ambientazione, a partire proprio dal menu?

Ph. Valeria Luongo

Tra i primi la parte del leone la fa senz’altro la zucca

Che, come ben sappiamo, può essere declinata in moltissime versioni: gnocchi, risotto, tortelli, zuppe e chi più ne ha più ne metta, senza contare torte salate, tortini e soufflé.

Qui resteremo su due grandi classici: una bella zuppa di zucca e patate e il più tradizionale dei primi autunnali: risotto di zucca. Due piatti di non brevissima realizzazione ma di sicuro impatto, soprattutto se avremo il tempo di scavare una zucca e usarla per servire!

Zucca e mummie piatti forti della cena di Halloween
Risotto alla zucca

Altrimenti, comunque, ci godremo due ottimi piatti con un ingrediente di stagione particolarmente versatile e allegro. La zuppa di zucca, poi, è un primo che può essere interpretato in moltissimi modi: più liquida e liscia come una vellutata; più consistente e densa o addirittura, lasciandola addensare, si può ottenere un ottimo e dolcissimo purè.

In entrambi i casi si può poi scegliere come aromatizzare il piatto: con un tocco di noce moscata, una spolverata di pepe, un pizzico di amaretto o qualche scaglia di tartufo prima di servire.

  • Zucca e mummie piatti forti della cena di Halloween
  • Zucca e mummie piatti forti della cena di halloween
  • Zucca e mummie piatti forti della cena di halloween
  • Zucca e mummie piatti forti della cena di Halloween
  • Zucca e mummie piatti forti della cena di Halloween
  • Zucca e mummie piatti forti della cena di Halloween

Ma se i primi restano nel solco della tradizione, con la sola zucca come legame con la notte delle streghe, è nel resto della cena che la fantasia può scatenarsi.

Teschi, dita mozzate, mostri e mummie sono infatti i piatti forti della cena di Halloween.

E allora partiamo da specialità di semplice realizzazione e certo effetto scenico, non a caso immancabili a qualsiasi evento a tema: mummie e dita mozzate realizzate con wurstel e pasta sfoglia. Le versioni possono differire, ma – per quanto riguarda le dita – come unghie alle mandorle preferisco le olive nere, molto più dark. E come sangue beh… il ketchup al curry è decisamente il mio preferito!

  • Zucca e mummie piatti forti della cena di Halloween
  • Zucca e mummie piatti forti della cena di Halloween
  • Zucca e mummie piatti forti della cena di Halloween
  • Zucca e mummie piatti forti della cena di Halloween
  • Zucca e mummie piatti forti della cena di Halloween
  • Zucca e mummie piatti forti della cena di Halloween
  • Zucca e mummie piatti forti della cena di Halloween

La pasta sfoglia rimasta, poi, può servire per avvolgere i pezzi di wurstel eliminati dai tasselli o dal fondo, ma anche spicchietti di patata avanzati dalla zuppa e preparare golosi stuzzichini da servire con l’aperitivo.

Zucca e mostri piatti forti della cena di Halloween
Mostro-burger e patatine di zucca

E se zucca e mostri sono i piatti forti della cena di Halloween, un altro secondo può essere un bel… mostro-burger. In versione senza panino, con una terrificante espressione “stampata” in cheddar sulla svizzera, o completo, con denti di sottiletta e occhi di formaggio e oliva sulla parte superiore del panino. Servito, ovviamente, con patatine. Di zucca, of course.

Un altrettanto sicuro successo? Occhi mostruosi e ragnetti fatti con le uova.

Simpatici da servire come complemento al secondo, come antipasto o in un buffet. Qualche uovo sodo, olive nere, un pennarello rosso e gli occhi sono pronti e terrificanti. Lavorando invece i tuorli con maionese e senape (io ho usato quella alsaziana al pepe nero, ottima!) e utilizzando la montagnola di crema come base, si può in pochissime mosse dar vita a simpatici ragnetti.

  • Zucca e mummie piatti forti della cena di Halloween
  • Zucca e mummie piatti forti della cena di Halloween

Per completare, un suggestivo contorno al forno: champignon scheletrici. Per ottenere dei bellissimi teschi basta scavare due buchi nella cappella dei funghi e incidere delle scanalature nel gambo. Occhi e denti sono fatti, adesso basta infornare e condire con olio ed erbe aromatiche. In alternativa, se non sono molto grandi, si possono trifolare, ma il risultato è meno suggestivo. Sono raggrinziti? Un po’ bruttini? Beh… dopo tutto quel tempo sotto terra….

Champignon scheletrici

E se sono rimaste faccine in cheddar, rendiamo terrificante anche il pane, sovrapponendole a quello nero o alle fette da toast tostate e spalmate di paté di olive nere.

Resta una questione tutt’altro che secondaria…

Che vino abbinare?

Decisamente un rosso, non eccessivamente impegnativo. Quindi vanno bene un Chianti, un Bardolino o un Cabernet.

Infine… coronate il tutto con i ragnetti di cioccolato e i fantasmini di meringa che trovate qui.

Pronti? Allora scaricate il ricettario!

Vi sono piaciute le ricette? Fotografate, condividete, commentate, taggate TheMebWay e seguitemi iscrivendovi alla newsletter!!!!

+1